La tua azienda è in regola con la privacy? Scopri come proteggere il tuo valore aggiunto

Privacy: una scocciatura o un valore aggiunto per l’azienda?

 

Quanti di noi avranno pensato, all’indomani del 25 maggio 2018, al GDPR come l’ennesimo mero adempimento burocratico e un costo inutile per l’azienda? O peggio, quanti di noi avranno avallato, e avallano ancora oggi, l’adeguamento con una scrollata di spalle pensando: “Cosa importa a me, mica tratto dati io?

Basta avere anche solo un dipendente, un sito web o un dispositivo di videosorveglianza per ricadere nel campo di applicazione del Regolamento UE 2016/679 e del D. Lgs 101/2018, normativa di recepimento delle direttive europee che ha abrogato in parte decreto legislativo 196 del 2003, ossia il “vecchio” Codice Privacy.

In un mondo caratterizzato dall’incessante evoluzione dei mezzi tecnologici, dalla silenziosa ma incisiva invadenza della rete internet in cui i nostri dati sono il nuovo petrolio, la privacy, concepita più che altro solo come una seccatura, è una visione indubbiamente riduttiva.

Il GDPR non deve essere visto solo come un costo, ma come un’opportunità. Un corretto approccio alla normativa aiuta l’impresa a creare valore aggiunto al sistema di qualità aziendale. In che modo? Basta cambiare il punto di vista da cui si è soliti osservarla per comprenderlo. Se si è abituati a guardare la privacy non come un fine ma come un mezzo, non come un insieme di adempimenti e di burocrazia, ma come ad un sistema di gestione, si otterrà come naturale risultato la tutela dei dati, degli archivi aziendali e soprattutto delle persone.

Un’attenta gestione dei dati dei propri dipendenti, fornitori e clienti aiuta ad evitare, non solo sanzioni, che con il nuovo Regolamento Europeo 2016/679, arrivano fino a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato aziendale mondiale, ma anche problemi di reputazione con conseguenti impatti negativi da una parte sulle vendite e sul marketing, e dall’altra sulle relazioni con dipendenti, fornitori e clienti presenti e futuri.

E’ in questa prospettiva che Velino Consulenze ha deciso di indirizzare il suo servizio: abbracciando il tema della compliance al GDPR per la nostra azienda, e anche per la tua! Accompagniamo la tua azienda, associazione, anche piccola realtà imprenditoriale, in un percorso di adeguamento al Nuovo Regolamento Privacy.

La responsabilità di progettare adeguate misure di sicurezza per il trattamento dei dati ricade sul Titolare, Velino Consulenze ti è di supporto nella valutazione delle tipologie di dati personali che gestisce la tua azienda, dei processi che utilizza, nell’analisi dei rischi, nella predisposizione di contratti e documenti personalizzati, quali: Informative sul trattamento dei dati personali; Contratti di designazione a responsabile del trattamento; Scritture di nomina per gli autorizzati al trattamento;  Redazione del registro dei trattamenti e valutazioni d’impatto sulla protezione dei dati (c.d. DPIA), aiutandoti soprattutto a comprendere quali siano le misure di sicurezza tecniche e organizzative da implementare.

Velino Consulenze offre dunque, un servizio di consulenza personalizzata che distante dall’applicazione di “pacchetti standard” conta un affiancamento personalizzato, specifico e continuativo, sia mediante interventi mirati alla singola realtà cliente sia mediante percorsi formativi del personale aziendale.

Alla luce di tutto, la tua azienda è in regola con la privacy? Cosa aspetti ad entrare nel futuro?

 

                                                                                                                                                    Dott.ssa Valentina Iacuitto

                                                                                                                                                    Consulente GDPR